Calendario LGBTQI     Giugno

Roma, 8 luglio 2000. Dopo una lunga marcia per le calde strade della capitale italiana, sul palco del World Pride, in un fuori programma ragionato e concordato a lungo con tutte le compagne del MIT, Marcella Di Folco annuncia  e dà la parola a Sylvia Rivera, l'attivista transgender che in una notte del tardo giugno del 1969 a New York assieme ad altre compagne e compagni ribellandosi a un raid della polizia in un locale frequentato da persone omosessuali e trans ha acceso la miccia di una lunga rivoluzione dei costumi in occidente. La forza simbolica che il 28 giugno, come mito fondativo delle lotte per i diritti civili delle persone trans, gay, lesbiche, della seconda metà del Novecento ha assunto sta tutto in quel momento pubblico. Molti dei giovani che animarono i moti di Stonewall, che dalla prima mattina del 28 giugno sino al 3 luglio infiammarono il Greenwich Village di New York, si identificavano con le lotte anticapitaliste e rivoluzionarie che attraversavano la società statunitense ed europea in quegli anni. L'eco della radicalità di intenti di quella ribellione è tutta nelle poche parole che Sylvia pronunciò dal palco, definendo il milione di persone che riempiva il Circo Massimo e la ascoltava 'i miei bambini'. Quella marcia dell'orgoglio e quel giorno per l'Italia furono particolarmente significativi, praticarono uno spartiacque nella percezione 'cosciente' del paese dell'esistenza di persone gay, lesbiche, trans.  Roma quell'anno era il palcoscenico del Grande Giubileo del 2000, un evento della Chiesa Cattolica Apostolica Romana pregno di significati simbolici che era stato preparato come di consueto con largo anticipo con un documento di Papa Giovanni Paolo II, la lettera apostolica Tertio Millennio Adveniente, del 1994. Si può immaginare lo dimensione dello scontro che ne sortì. La Chiesa Cattolica fece tutto ciò che era nelle proprie possibilità per impedire quella manifestazione politica che la sfidava apertamente sul piano del suo potere sulla morale e la sessualità umana, ma inutilmente.



Un carro ospita Sylvia Rivera durante la giornata dell'0rgoglio alla manifestazione mondiale di Roma nel 2000

Un carro ospita Sylvia Rivera durante la giornata dell'0rgoglio alla manifestazione mondiale di Roma nel 2000